COSCIENZA INFINITA

INFORMAZIONE LIBERA

Gesù – il rivoluzionario, il dissidente politico e l’attivista non violento – visse e morì in uno stato di polizia.

“Bisogna ricordare alla chiesa che non è il padrone o il servo dello Stato, ma piuttosto la coscienza dello Stato. Deve essere la guida e la critica dello Stato, e mai il suo strumento. Se la chiesa non riprende il suo zelo profetico, diventerà un club sociale irrilevante senza autorità morale o spirituale. “- Martin Luther King Jr. ( A Knock at Midnight , 11 giugno 1967)

In ogni epoca, ci troviamo a lottare con la questione di come Gesù Cristo – il predicatore itinerante e attivista rivoluzionario morto sfidando lo stato di polizia del suo tempo, cioè l’Impero Romano – avrebbe risposto alle domande morali dei nostri giorni.

Ad esempio, Gesù avrebbe sostenuto, come hanno fatto tanti leader cristiani evangelici negli ultimi anni, che i fedeli si “sottomettano ai vostri dirigenti e ai detentori”, che nello stato di polizia americano si traduce in obbedienza, conformità, sottomissione, obbedienza agli ordini rimandare all’autorità e in generale fare tutto ciò che un funzionario del governo ti dice di fare?

Cosa farebbe Gesù? 

Studia la vita e gli insegnamenti di Gesù e potresti rimanere sorpreso di quanto sia rilevante per la nostra epoca moderna.

Un anticonformista radicale che ha sfidato l’autorità in ogni momento, Gesù ha trascorso la sua vita adulta dicendo la verità al potere, sfidando lo status quo dei suoi tempi, respingendo gli abusi dell’Impero Romano e  fornendo un modello per resistere alla tirannia  che sarebbe stata seguito da quelli, religiosi e non, che vennero dopo di lui.

Coloro che vivono in questa epoca di blocchi governativi, passaporti immunità, polizia militarizzata, incursioni di squadre SWAT, sparatorie di cittadini disarmati, perquisizioni lungo le strade, sorveglianza invasiva e simili potrebbero pensare che questi eventi non abbiano precedenti. Tuttavia, le caratteristiche di uno stato di polizia e le sue ragioni d’essere non sono diverse oggi da come lo erano durante la vita di Gesù: controllo, potere e denaro.

Proprio come l’Impero americano oggi, l’Impero Romano di Gesù era caratterizzato da segretezza, sorveglianza, una diffusa presenza di polizia, una cittadinanza trattata come sospetta con poche possibilità di ricorso contro lo stato di polizia, guerre perpetue, un impero militare, legge marziale e punizione politica contro coloro che hanno osato sfidare il potere dello Stato.

Uno stato di polizia va ben oltre le azioni delle forze dell’ordine. In effetti, uno stato di polizia “è  caratterizzato da burocrazia, segretezza, guerre perpetue, una nazione di sospetti, militarizzazione, sorveglianza, presenza diffusa della polizia e una cittadinanza con scarso ricorso contro le azioni della polizia “.

In effetti, lo stato di polizia in cui Gesù visse (e morì) e le sue sorprendenti somiglianze con l’America moderna sono al di là di ogni preoccupazione.

Segretezza, sorveglianza e governo dell’élite . Man mano che l’abisso tra ricchi e poveri si allargava nell’Impero Romano, la  classe dirigente e la classe ricca divennero sinonimi , mentre le classi inferiori, sempre più private delle loro libertà politiche, si disinteressarono del governo e facilmente distratte da “pane e circhi . ” Proprio come l’America odierna, con la sua mancanza di trasparenza del governo, l’aperta sorveglianza interna e il  governo dei ricchi , il funzionamento interno dell’Impero Romano era  avvolto nel segreto , mentre i suoi leader erano costantemente all’erta per qualsiasi potenziale minaccia al suo potere. La  conseguente sorveglianza in tutto lo stato è stata effettuata principalmente dai militari, che hanno agito come investigatori, esecutori, torturatori, poliziotti, carnefici e carcerieri. Oggi quel ruolo è svolto dalla NSA, dall’FBI, dal Dipartimento per la sicurezza interna e dalle forze di polizia sempre più militarizzate in tutto il paese.

Presenza capillare della polizia. L’Impero Romano usò le sue forze militari per mantenere la “pace”, stabilendo così uno stato di polizia che coprisse tutti gli aspetti della vita di un cittadino. In questo modo, questi ufficiali militari, utilizzati per affrontare un’ampia gamma di problemi e conflitti di routine, hanno rafforzato la volontà dello Stato. Oggi le squadre SWAT, composte dalla polizia locale e da agenti federali, sono impiegate per  eseguire mandati di perquisizione di routine per reati minori  come il possesso di marijuana e la frode con carta di credito.

Cittadinanza con poche possibilità di ricorso contro lo stato di polizia. Con l’espansione dell’Impero Romano,  la libertà personale e l’indipendenza quasi svanirono , così come ogni vero senso di governo locale e coscienza nazionale. Allo stesso modo, in America oggi, i  cittadini si sentono in gran parte impotenti , senza voce e non rappresentati di fronte a un governo federale assetato di potere. Mentre gli stati e le località sono posti sotto il controllo diretto delle agenzie e dei regolamenti federali, un senso di impotenza appresa attanaglia la nazione.

Guerre perpetue e impero militare. Proprio come l’America odierna, con la sua pratica di controllo del mondo, la  guerra e un etico militarista globale fornirono la struttura per l’Impero Romano , che si estendeva dalla penisola italiana a tutta l’Europa meridionale, occidentale e orientale, estendendosi al Nord Africa e Anche l’Asia occidentale. Oltre alle significative minacce straniere,  furono intraprese guerre contro nemici rudimentali, non strutturati e socialmente inferiori .

Legge marziale.  Alla fine, Roma stabilì una dittatura militare permanente che lasciò i cittadini alla mercé di un regime totalitario irraggiungibile e oppressivo. In assenza di risorse per istituire forze di polizia civiche, i romani si affidarono sempre di più ai militari per intervenire in tutte le questioni di conflitto o sconvolgimento nelle province, dalle piccole risse alle rivolte su larga scala. Non diversamente dalle forze di polizia odierne, con le loro  esercitazioni di legge marziale sul suolo americano , armi militarizzate e mentalità “prima spara, fai domande dopo”, il soldato romano aveva ” l’esercizio della forza letale a portata di mano ” con il potenziale di provocare il caos su la vita normale dei cittadini.

Una nazione di sospetti. Proprio come l’Impero americano considera i suoi cittadini sospetti da rintracciare, sorvegliare e controllare, l’Impero Romano considerava tutti i potenziali insubordinati, dal ladro comune a un insurrezionalista a tutti gli effetti, come  minacce al suo potere . L’insurrezionalista era  visto come una sfida diretta all’imperatore . Un “bandito”, o  rivoluzionario , era considerato capace di rovesciare l’impero, era sempre considerato colpevole e meritevole delle pene più feroci, compresa la pena capitale. I banditi venivano solitamente puniti pubblicamente e crudelmente come mezzo per  dissuadere gli altri dallo sfidare il potere dello stato . L’esecuzione di Gesù fu una di queste punizioni pubbliche.

Atti di disobbedienza civile da parte degli insurrezionalisti. A partire dal suo atto di disobbedienza civile al tempio ebraico, il sito della sede amministrativa del Sinedrio, il supremo consiglio ebraico, Gesù si è definito un rivoluzionario politico. Quando Gesù “con l’aiuto dei suoi discepoli, blocca l’ingresso al cortile” e proibisce a “chiunque trasporta merci in vendita o in commercio di entrare nel Tempio”, commise un atto palesemente criminale e sedizioso, un atto “che indubbiamente fece precipitare il suo arresto e l’esecuzione. ” Poiché gli eventi commerciali erano sponsorizzati dalla gerarchia religiosa, che a sua volta era gestita con il consenso del governo romano, l’attacco di Gesù ai caricatori di denaro e ai commercianti può essere visto come un  attacco alla stessa Roma, inconfondibile dichiarazione di indipendenza politica e sociale dall’oppressione romana.

Arresti in stile militare nel cuore della notte. Il racconto dell’arresto di Gesù testimonia il fatto che i romani Lo percepivano come un rivoluzionario. Stranamente simile alle incursioni della squadra SWAT odierna, Gesù fu arrestato nel cuore della notte, in segreto, da una  grande flotta di soldati pesantemente armati . Invece di limitarsi a chiedere di Gesù quando vennero ad arrestarlo, i suoi inseguitori collaborarono in anticipo con Giuda. Agendo come un informatore del governo, Giuda ha inventato un bacio come un indicatore di identificazione segreta, suggerendo che un livello di inganno e inganno deve essere usato per ottenere questa cooperazione apparentemente “rivoluzionaria”. 

Tortura e pena capitale. Ai giorni di Gesù, predicatori religiosi, profeti autoproclamati e manifestanti non violenti non furono arrestati e giustiziati sommariamente. In effetti, i sommi sacerdoti ei governatori romani normalmente lasciavano che una protesta, in particolare su piccola scala, facesse il suo corso. Tuttavia, le autorità governative si sono affrettate a sbarazzarsi di leader e movimenti che sembravano minacciare l’Impero Romano. Le accuse mosse contro Gesù – che era una minaccia per la stabilità della nazione, si opponeva al pagamento delle tasse romane e affermava di essere il legittimo Re – erano puramente politiche, non religiose. Per i romani, una qualsiasi di queste accuse era sufficiente per meritare la morte per crocifissione, che di solito era riservata a schiavi, non romani, radicali, rivoluzionari e ai peggiori criminali.

Gesù fu presentato a Ponzio Pilato ” come un disturbatore della pace politica “, un leader di una ribellione, una minaccia politica e, cosa più grave, un pretendente alla regalità, un “re del tipo rivoluzionario”. Dopo che Gesù è stato formalmente condannato da Pilato, viene condannato a morte per crocifissione, “il mezzo romano per giustiziare criminali condannati per alto tradimento”. Lo scopo della crocifissione non era tanto quello di uccidere il criminale, quanto una dichiarazione immensamente pubblica intesa ad avvertire visivamente tutti coloro che avrebbero sfidato il potere dell’Impero Romano. Quindi, era riservato esclusivamente ai crimini politici più estremi: tradimento, ribellione, sedizione e banditismo. Dopo essere stato spietatamente frustato e schernito, Gesù fu inchiodato su una croce.

Come ha osservato il professor Mark Lewis Taylor:

La croce all’interno della politica e della cultura romana era un segno di vergogna, di essere un criminale. Se sei stato messo alla croce, sei stato contrassegnato come vergognoso, come criminale, ma soprattutto come sovversivo. E c’erano migliaia di persone messe alla croce. La croce era effettivamente posizionata in molti incroci e, come ci ha ricordato la studiosa del Nuovo Testamento Paula Fredricksen, è servita come una specie di annuncio di servizio pubblico che diceva: “Agisci come ha fatto questa persona, ed è così che finirai”.

Gesù – il rivoluzionario, il dissidente politico e l’attivista non violento – visse e morì in uno stato di polizia. Qualsiasi riflessione sulla vita e la morte di Gesù all’interno di uno stato di polizia deve tenere conto di diversi fattori: Gesù si è espresso con forza contro cose come gli imperi, il controllo delle persone, la violenza di stato e la politica del potere. Gesù sfidò i sistemi di credenze politiche e religiose dei suoi giorni. E le potenze mondane temevano Gesù, non perché li sfidasse per il controllo dei troni o del governo, ma perché indeboliva le loro pretese di supremazia e osò dire la verità al potere in un momento in cui farlo poteva, e spesso lo faceva, vita.

Sfortunatamente, il Gesù radicale, il dissidente politico che mirava all’ingiustizia e all’oppressione, è stato in gran parte dimenticato oggi, sostituito da un Gesù congeniale e sorridente che trotterellava per le festività religiose ma per il resto reso muto quando si tratta di guerra, potere e politica .

Tuttavia, per coloro che studiano veramente la vita e gli insegnamenti di Gesù, il tema risonante è quello della totale resistenza alla guerra, al materialismo e all’impero.

In definitiva, come faccio notare nel mio libro  Battlefield America: The War on the American People , questa è la contraddizione che deve essere risolta se il Gesù radicale, quello che si è opposto all’Impero Romano ed è stato crocifisso come monito per gli altri sfidare i poteri forti significa essere un esempio per la nostra epoca moderna.

Dopo tutto, c’è così tanta sofferenza e ingiustizia nel mondo e così tanto bene che può essere fatto da coloro che aspirano veramente a seguire l’esempio di Gesù Cristo.

Dobbiamo decidere se seguire la via della minor resistenza, disposti a chiudere un occhio su ciò che Martin Luther King Jr. chiamava “i mali della segregazione e gli effetti paralizzanti della discriminazione, alla degenerazione morale del fanatismo religioso e del effetti corrosivi dello stretto settarismo, alle condizioni economiche che privano gli uomini di lavoro e cibo, e alle follie del militarismo e agli effetti autolesionisti della violenza fisica “- o se saremo  trasformati anticonformisti  ” dediti alla giustizia, alla pace e alla fratellanza . “

Come ha spiegato King in un potente  sermone pronunciato nel 1954 , “Questo comando di non conformarsi proviene … [da] Gesù Cristo, l’anticonformista più devoto del mondo, la cui non conformità etica sfida ancora la coscienza dell’umanità”.

Inoltre:

Dobbiamo riconquistare lo splendore evangelico dei primi cristiani, che erano anticonformisti nel vero senso della parola e si rifiutavano di plasmare la loro testimonianza secondo i modelli mondani del mondo. Hanno sacrificato volontariamente fama, fortuna e la vita stessa a favore di una causa che sapevano essere giusta. Quantitativamente piccoli, erano giganti qualitativamente. Il loro potente vangelo pose fine a mali barbari come l’infanticidio e le sanguinose gare di gladiatori. Alla fine, hanno conquistato l’Impero Romano per Gesù Cristo … La speranza di un mondo sicuro e vivibile è affidata a disciplinati anticonformisti, dediti alla giustizia, alla pace e alla fratellanza. I pionieri della libertà umana, accademica, scientifica e religiosa sono sempre stati anticonformisti. Per qualsiasi causa che riguardi il progresso dell’umanità, riponi la tua fede nell’anticonformista!

… L’onestà mi spinge ad ammettere che l’anticonformismo trasformato, che è sempre costoso e mai del tutto comodo, può significare camminare nella valle dell’ombra della sofferenza, perdere un lavoro o avere una figlia di sei anni che chiede: “Papà, perché devi andare in prigione così tanto? ” Ma sbagliamo gravemente a pensare che il cristianesimo ci protegga dal dolore e dall’agonia dell’esistenza mortale. Il cristianesimo ha sempre insistito sul fatto che la croce che portiamo precede la corona che indossiamo. Per essere un cristiano, bisogna prendere la sua croce, con tutte le sue difficoltà e il contenuto tormentoso e pieno di tragedia, e portarla fino a quando quella stessa croce lascia i suoi segni su di noi e ci redime verso quella via più eccellente che arriva solo attraverso la sofferenza .

In questi giorni di confusione mondiale, c’è un disperato bisogno di uomini e donne che combatteranno coraggiosamente per la verità. Dobbiamo fare una scelta. Continueremo a marciare al ritmo del conformismo e della rispettabilità o, ascoltando il ritmo di un tamburo più lontano, ci muoveremo al suo suono echeggiante? Marciamo solo sulla musica del tempo o, rischiando critiche e abusi, marciamo verso la musica che salva l’anima dell’eternità?

post di JOHN WHITEHEAD dal sito di David Icke

15470cookie-checkGesù – il rivoluzionario, il dissidente politico e l’attivista non violento – visse e morì in uno stato di polizia.
Condividi:
rimani aggiornato sui nostri ultimi articoli e video!
iscriviti alla newsletter
YOUTUBE CI STA CENSURANDO, SEGUICI SU